Ieri sera, 03 settembre, nella nostra Basilica, nell’ambito della 3a serata Festival del Giornalismo, Don Maurizio Patriciello ha raccontato la sua esperienza. “Una voce dalla terra dei fuochi – la vita a Caivano di un Sacerdote in prima linea per la cultura della legalità”  Don Maurizio Patriciello, giornalista pubblicista, è nato a Frattaminore e dopo aver lavorato in qualità di paramedico, ha deciso di entrare in seminario grazie all’incontro con un frate francescano che lo ha ricondotto nell’alveo di quella Chiesa che aveva temporaneamente abbandonato anni prima. In qualità di parroco di Caivano (parrocchia San Paolo Apostolo) in poco tempo, è diventato uno dei volti più noti della battaglia intrapresa per la rinascita di un territorio inquinato dai rifiuti industriali sversati e poi interrati senza alcuna precauzione nelle campagne. Don Maurizio ha denunciato e combatte questo scempio che, da più di 20 anni, si consuma su quei territori definiti “Terra dei fuochi” in quanto i fuochi, appunto, per anni hanno bruciato cumuli di rifiuti, liberando nell’aria veleni tossici.  Uomo di fede e cronista, porta quotidianamente in ogni sede si trovi ad operare (in parrocchia o sulla carta stampata) l’impegno per restituire dignità non solo a quelle terre, ma - in primis - ai propri abitanti e dare loro la giusta coscienza atta contrastare la delinquenza ed il malaffare che li vi operano a danno dei più deboli.